Wednesday, August 15, 2007

Milano mia.

Milano mia portami via, fa tanto freddo,
schifo e non ne posso più,
facciamo un cambio prenditi pure
quel po' di soldi quel po' di celebrità
ma dammi indietro la mia seicento,
i miei vent'anni e una ragazza che tu sai

Mi chiedo perche' non ti diano le istruzioni per l'uso, con la vita.

Milano scusa stavo scherzando,
luci a San Siro non ne accenderanno più
Luci a San Siro [Roberto Vecchioni]

Sono stanca di Ginevra, mi stupisce la cosa, non l'avrei mai pensato. E mi manca casa mia, anche se non so piu' che luogo chiamare casa. Forse un giorno tornero' a Milano. E chiudero' il cerchio.

2 comments:

stoneeaten said...

Ho letto qua e là… ho sbirciato tra i tuoi pensieri.
Francamente all’inizio ero abbastanza infastidito, intendo dire da me che leggevo di qualcun altro… però forse questa è l’essenza del blog. Infine ho continuato a leggere, da lunedì, qualche pagina al giorno…perché l’ufficio ad agosto ha dei ritmi lenti (inattuabili durante l’anno), perché se chiami qualcuno al telefono rischi di trovarlo ancora in spiaggia senza la voglia di parlarti di strutture, materiali, vernici… Ho continuato a leggere e alla fine scrivo…perché mi infastidisce di più rimanere nell’ombra e vedere da parte a “comments” un bello “0” (a parte qualcuno che probabilmente alla fine ti venderà qualcosa)!
Bhè Svaluzza, adesso sai che avrai un lettore fisso e, se non disturbo troppo, commenterò ancora se avrò qualcosa da dire.
Buona vita dovunque questa sia.

svaluzza said...

ehi grazie... davvero. so che in questo periodo anche il mio blog ha un ritmo da spiaggia... non tanto perche' io sia in vacanza, anzi. Ma forse il mio cervello un poco si :)